banner_pazienti.png

FAQ

Come partecipare alla fase pilota?
Possono partecipare alla fase pilota i pazienti oncologici maggiorenni; nel caso in cui si tratti di pazienti incapaci di discernimento, è il tutore a scegliere se aderire all’iniziativa e a dare il consenso al trattamento elettronico dei dati clinici. Per partecipare è sufficiente recarsi da un medico che partecipa al progetto e richiedere il formulario di adesione. Sarà poi compito del medico dare avvio alla rete di cura digitale del paziente.

Se il proprio medico partecipa alla fase pilota, il paziente deve necessariamente aderirvi?
No. L’adesione alla fase pilota di reTIsan è gratuita e su base volontaria: ogni paziente sceglie quindi liberamente se partecipare o meno al progetto.

Perché partecipare al progetto?
Partecipando al progetto il paziente dà avvio alla creazione di una cartella informatizzata che permette di condividere i dati rilevanti per la propria presa a carico. Grazie a reTIsan la condivisione dei dati avviene in maniera più diretta velocizzando le procedure e migliorando la presa a carico dei pazienti.
Il paziente può quindi beneficiare di un nuovo sistema di condivisione dei dati che permette di stabilire un miglior piano di cure, grazie al supporto del processo diagnostico-terapeutico dato da informazioni complete e aggiornate. In futuro il sistema potrebbe inoltre essere aperto all’accesso da casa da parte del paziente.

Cosa succederà dopo la fase pilota?
Il progetto verrà valutato in funzione degli obiettivi prefissati durante l’intera fase pilota. In caso di successo si cercherà di consolidare il sistema e di espanderlo agli altri ambiti della sanità ticinese e Svizzera.